Gli scavano la fossa dopo averlo legato e picchiato: 2 indagati

La Procura chiude le indagini per il raid subito da un giovane. Un 27enne ed un 24enne accusati di sequestro di persona

Gli hanno scavato la fossa

Lo lasciarono su una collina di San Felice a Cancello dopo averlo legato e picchiato. Arriva la chiusura di indagini per Carmine P., 27 anni, e Giuseppe D.L., 24 anni, accusati di sequestro di persona, minaccia e lesioni personali, aggravati dai futili motivi, nei confronti di una terza persona. 

Secondo quanto ricostruito dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, che adesso valuta la richiesta di rinvio a giudizio, i due hanno obbligato la vittima a salire nella loro auto e l'hanno trasportata in una località di montagna. Qui gli avrebbero legato mani e piedi con delle fascette di plastica e lo avrebbero picchiato con schiaffi, calci, pugni al corpo ed al volto.

Non contenti scavarono anche una fossa minacciando il malcapitato di ucciderlo e di seppellirlo. I fatti si sono verificati a maggio dell'anno scorso ed ora la Procura ha stretto il cerchio emanando due avvisi di garanzia. Per i due è stato nominato come difensore l'avvocato Nello Sgambato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento