Picchiato da parcheggiatore, parte il processo

La vittima era intervenuta per sedare una lite in piazza Vanvitelli

Era intervenuto in piazza Vanvitelli a Caserta per sedare una lite, ma ha avuto la peggio, finendo anche in ospedale. Venerdì si è aperto il processo a carico del 32enne parcheggiatore di Caserta che dovrà rispondere di lesioni ai danni di un uomo che aveva cercato di placare la sua ira mentre si stava scagliando contro uno straniero. Il processo si è aperto davanti al giudice monocratico Pellegrino: la vittima era rappresentata in aula dall’avvocato Pasquale Delisati, l’imputato da Massimo Garofalo.

I fatti sono avvenuti nel maggio 2017. L’imputato, che poche settimane fa è stato condannato anche per i maltrattamenti ai danni dell’ex compagna, stava litigando nella piazza principale del Capoluogo con uno straniero: un uomo tentò di fermarlo ma fu colpito lui stesso con calci e pugni, finendo a terra ferito. Intervennero polizia ed ambulanza per prestare soccorso e l’aggressore fu identificato in A. B., oggi 32enne, residente a Caserta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento