rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca Maddaloni

Picchia la moglie e la chiude in un garage: preso dopo la fuga

E' durata poche ore la fuga del 35enne, si era rifugiato in un'abitazione di Maddaloni

È durata solo poche ore la fuga del 35enne albanese resosi irreperibile dopo le violenze e le minacce di morte ai danni della moglie, alla presenza del figlio di soli nove anni, nella tarda mattinata del 21 ottobre scorso.

Le serrate indagini svolte dai militari della Compagnia di Maddaloni hanno consentito di rintracciarlo presso un’abitazione di Maddaloni, dove si era nascosto per sfuggire ai carabinieri.

Il 35enne è stato bloccato e accompagnato in caserma dove è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria di iniziativa. Successivamente è stato portato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a disposizione della competente autorità giudiziaria. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, percosse e sequestro di persona.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, dopo aver accompagnato con la forza la moglie presso una villetta disabitata di Maddaloni, l’avrebbe picchiata e rinchiusa nel garage portandole via il piccolo. La donna sarebbe però riuscita a scappare e allertare i carabinieri. Il 35enne si è quindi reso irreperibile, ma la fuga è stata breve. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la moglie e la chiude in un garage: preso dopo la fuga

CasertaNews è in caricamento