Picchia la madre per soldi, condannato 37enne

Il giudice ha inflitto 3 anni e 4 mesi di reclusione. La donna riuscì a scappare in un negozio

Ha aggredito la madre

Picchiò la madre per soldi. E' stato condannato a 3 anni e 4 mesi A.M., 37 anni di Marcianise, accusato di tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Questa la decisione del giudice Orazio Rossi al termine del processo celebrato con rito abbreviato al tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Per il 37enne il pubblico ministero aveva invocato una pena esemplare: 9 anni di carcere. Il giudice, però, ha accolto le tesi del difensore, l'avvocato Nello Sgambato, e pronunciato una condanna più mite. L'uomo si trova agli arresti domiciliari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti di cui al processo si sono verificati nel dicembre scorso. A.M. si era presentato presso l'abitazione dei genitori per chiedere soldi. Al rifiuto aveva danneggiato suppellettili e poi era andato via. Nel pomeriggio tornò e all'ennesimo rifiuto  aggredì la madre che venne percossa. La donna riuscì a scappare, trovando riparo in un negozio da dove allertò le forze dell'ordine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Macchia nera, scoperta choc: "Dna umano". Sequestrato depuratore: "Fogne direttamente nel canale"

Torna su
CasertaNews è in caricamento