rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Casal di Principe

Picchia i genitori per i soldi del gioco: condanna soft per 35enne

Un'estorsione da 950 euro denunciata dai familiari. Lo hanno perdonato ed il giudice lo grazia

Pena 'soft' di 2 anni ed 8 mesi e detenzione domiciliare per di R. L., 35enne di Casal di Principe, accusato di maltrattamenti ed estorsione nei confronti dei due anziani genitori.

Il pm Soriano, del tribunale di Napoli Nord, aveva invocato 5 anni di carcere ma il gip Santoro ha tenuto conto anche di una riappacificazione familiare ed ha riconosciuto al 35enne, difeso dagli avvocati Massimo Natale e Felice Belluomo, ua pena più mite. 

Il 35enne, a novembre dell'anno scorso, era stato tratto in arresto dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Casal di Principe mentre mal menava i genitori cercando di estorcere loro la somma di 100 euro. Uno sfogo degli esasperati genitori ai militari rivelò un'estorsione consumata da 950 euro oltre alla ludopatia di cui è affetto R. L., nonché il 'vizietto' dell'alcol che lo portarono ad essere 'violento' nei riguardi dei familiari. Un intervenuto perdono mostrato dai difensori che ha convinto i togati normanni alla detenzione domiciliare a San Marcellino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia i genitori per i soldi del gioco: condanna soft per 35enne

CasertaNews è in caricamento