menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato per le botte alla compagna: l'ha minacciata anche col coltello

Il giudice commina oltre due anni di carcere al 31enne

Due anni e cinque mesi di reclusione con una provvisionale di 2mila euro. E' questa la sentenza emessa dal giudice Maisto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere a carico di un 31enne di Caserta, A.B., accusato di aver picchiato la compagna, madre di suo figlio, in diverse occasioni. Una pena leggermente più bassa rispetto alla richiesta di tre anni che era stata avanzata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che aveva indagato sul caso. L'uomo è finito sotto inchiesta dopo la denuncia della compagna 28enne (rappresentata dall'avvocato Pasquale Delisati), stanca di subire aggressioni, sempre legate alla gelosia. In un'occasione le distrusse anche il cellulare, perché l'uomo pensava che lei fosse in contatto con qualcuno dopo aver trovato la foto di un uomo sul cellulare. In più l'ha anche minacciata con un coltello. Nel corso del processo sono state ascoltate persone vicine alla donna che hanno confermato il clima in cui viveva la vittima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento