Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Piantine di cannabis nascoste dai pomodori, arrestato 26enne

Il blitz della guardia di finanza in un terreno sito in località San Giuliano

I finanzieri scoprono una serra di piante di cannabis creata in un terreno in località San Giuliano

Erano occultate dietro a coltivazioni di pomodori, ben a riparo da occhi indiscreti. Venivano annaffiate regolarmente e 'curate' in un sistema sequenziale mediante il quale, quando le piante di marijuana giungevano ad un buon punto di fioritura, erano pronte per l'essicazione e cedevano il posto alle altre che avrebbero raggiunto il clou della fluorescenza in pochi giorni. È stato questo il meccanismo di cui si è avvalso B. J., 26enne di Teano tratto in arresto dai finanzieri del nucleo mobile della Tenenza di Sessa Aurunca a seguito di un'operazione celere ed incisiva che ha portato alla scoperta di una serra di piante di cannabis creata in un fondo impervio in località San Giuliano a Teano.

I finanzieri grazie ad un controllo capillare del territorio, sopralluoghi ed appostamenti hanno rinvenuto le 10 piante di marijuana tre delle quali alte 2 metri per un peso complessivo di circa 12,5 kg occultate dietro una fila di piante di pomodori. Un quantitativo 'verde' che sul mercato avrebbe fruttato oltre 100mila euro.

Il fondo su cui insisteva la serra si presentava in maniera sopraelevata rispetto alla sede stradale e ciò consentiva a B. J. di coltivare indisturbato il proprio 'orticello della beatitudine' con tanto di regolare irrigazione e somministrazione di fertilizzanti di ogni sorta. I finanzieri sono però risaliti alla proprietà del fondo ossia della madre del 26enne coltivatore, nonché che l'appezzamento di terreno si trovasse a pochi metri di distanza dall'abitazione di B. J.

Presso il domicilio del 26enne, i finanzieri della tenenza sessana hanno rinvenuto una ulteriore dose di marijuana occultata nell'armadio della camera da letto del peso di 309 grammi, già essiccata ed una parte già pronta ad essere piazzata sul mercato con tanto di indicazione del futuro acquirente. Sono scattate le manette ai polsi per B. J. accusato di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. Sia le piante di cannabis, che le 'dosi' ed i fertilizzanti utilizzati sono stati posti sotto sequestro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantine di cannabis nascoste dai pomodori, arrestato 26enne

CasertaNews è in caricamento