menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto di repertorio)

(foto di repertorio)

Tragedia sul litorale domizio: pescatore muore annegato

Era uscito in mare, in compagnia di un amico, per una battuta di pesca sportiva dalla spiaggia del Lago Patria

Tragedia sul litorale domizio: un pescatore è morto annegato. Si tratta di un 60enne algerino, ma residente da molti anni a Castel Volturno, deceduto dopo essere uscito in mare per una battuta di pesca sportiva dalla spiaggia del Lago Patria.

L'uomo era in compagnia di un amico castellano, anche lui sessantenne. Entrambi si trovavano a bordo di una piccola barca, quando a causa di un piccolo foro hanno imbarcato acqua. Dopo essersi resi conto che la barchetta stesse praticamente affondando, i due hanno deciso di lanciarsi dallo scafo per mettersi in salvo, tuffandosi a circa 400 metri dalla riva. I gestori di un lido a quel punto si sono accorti che a largo qualcosa non andasse e subito hanno allertato i soccorsi. Un uomo si è addirittura lanciato a mare e con l'ausilio di una tavola da surf è riuscito a portare a riva il pescatore italiano.

Per l'algerino, invece, non c'è stato nulla da fare: è morto annegato. Il suo corpo è stato recuperato, ormai già privo di vita, dalla guardia costiera di Pozzuoli e dagli agenti della locamare di Castel Volturno. La sua salma è stata trasportata all’ospedale 'Sant'Anna e San Sebastiano' di Caserta dove nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia, che quasi certamente confermerà la morte per annegamento. L'amico tratto in salvo è ora in forte stato di choc e si è reso necessario un trasporto presso il Pronto soccorso per un controllo di routine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento