Cronaca

Intascano per 8 anni la pensione della mamma morta

Denunciati marito e moglie. Hanno beneficiato anche del reddito di cittadinanza

I finanzieri della Compagnia di Mondragone hanno denunciato a piede libero due coniugi, L.M. e F.F., in quanto ritenuti responsabili di una truffa ai danni dell’INPS finalizzata a riscuotere la pensione e l’indennità di accompagnamento erogati a favore della madre di F.F., malgrado la stessa fosse deceduta nel gennaio del 2012.

Intascati quasi 130mila euro

Le indagini hanno consentito di accertare che l’INPS non aveva mai ricevuto alcuna comunicazione circa l’avvenuto decesso della beneficiaria e, quindi, aveva erogato indebitamente per oltre 8 anni, la somma totale di euro 129.846,00 che veniva accreditata su un libretto postale sul quale F.F. e suo marito L.M. erano abilitati a prelevare. Grazie anche agli accertamenti espletati presso la filiale delle Poste, è stato possibile riscontrare come la condotta delittuosa posta in essere non si era limitata solo al puntuale ritiro delle somme accreditate ma che uno dei coniugi aveva presentato all’Ufficio Postale un documento d’identità della defunta alterato nella data del rilascio, in modo da farlo apparire in corso di validità, allo scopo di continuare a percepire indebitamente gli emolumenti erogati.

Prendevano anche il reddito di cittadinanza

Al contempo, da ulteriori approfondimenti è emerso che i coniugi facevano parte di un nucleo familiare destinatario del Reddito di Cittadinanza, percependo indebitamente oltre 14.000 euro tra il 2019 ed il 2020. In relazione alle condotte illecite accertate, i militari operanti hanno sottoposto a sequestro una somma di denaro pari a 1.561,91 euro rinvenuta in parte presso l’abitazione ed in parte sui rapporti finanziari intrattenuti dai predetti coniugi presso l’Ente Poste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intascano per 8 anni la pensione della mamma morta

CasertaNews è in caricamento