Patenti comprate, il ‘sistema’ dell’ex vice sindaco: dentro funzionari corrotti, autoscuole e sostituti

Ruoli e funzioni dell'organizzazione guidata da 'Silvano' e dal direttore della Motorizzazione Aurilio

Il blitz all'autoscuola 'Silvano' di Silvestro Ferraro

Quattro gestori di autoscuole, membri di commissioni di esame, il direttore della Motorizzazione civile di Caserta, ricettori di clienti e il ‘sostituto’ dei candidati. Sono gli indagati finiti in manette nell’inchiesta sulle ‘patente facili’ fornite dietro il pagamento di cifre fino ai 4mila euro da una associazione a delinquere sgominata dalla Squadra Mobile di Caserta.

IL VIDEO - ESAMI PILOTATI 

A capo c’erano Silvestro Ferraro, ex vice sindaco di Capodrise e proprietario di fatto dell’autoscuola ‘Silvano’ di Marcianise, oltre al direttore della MTCT Gaetano Aurilio. Ferraro, già arrestato nel 1985 a Cassino per gli stessi reati, si faceva ‘aiutare’ dal fratello Donato e dal nipote Giuseppe, oltre alla coppia formata da Franco e Vincenzo Di Dio. I due, finiti in carcere, erano i titolari dell’autoscuola ‘San Francesco’ di Maddaloni, secondo la Procura però ero proprio Ferraro il reale proprietario dell'impresa.

FINO A 2500 EURO PER UNA PATENTE

Nel gruppo c’erano anche due commissari d’esame corrotti, Raffaele Longobardi e Antonio Barbato, oltre al recettore di clienti stranieri e nel nord Italia Xhoni Malaj, albanese 41enne. 

In manette infine sono finiti Francesco Arpino e Pasquale Fusco, entrambi proprietari di autoscuole compiacenti, e Francesco Iadicicco, il pluripatentato che sostituiva durante gli esami i candidati che pagavano per la ‘patente facile’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complessivamente sono 49 gli indagati nell'inchiesta della Procura: tra quelli a piede libero figurano anche alcuni minorenni e i loro genitori, accusati di aver pagato per consentire ai figli figli di ottenere l'agognata licenza di guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento