Panificio abusivo finisce sotto sequestro

Il titolare sanzionato in un'operazione di contrasto ai reati ambientali nella Terra dei Fuochi

L'operazione Terra dei Fuochi

Un forno abusivo sotto sequestro. E' stata questa la scoperta fatta dalle forze dell'ordine a Castel Volturno dove si è svolta un'operazione ad alto impatto per la repessione ai reati ambientali. Il titolare del panificio è stato sanzionato per sversamento illecito di rifiuti e mancata registrazione dell'attività commerciale.

Per il resto l'operazione è stata svolta nei comuni di Maddaloni, Lusciano, Marcianise, Mondragone, Acerra, Afragola, Castello di Cisterna, Giugliano in Campania, Napoli, Nola, Pomigliano e Sant’Antonio Abate ed ha visto in campo 51 equipaggi, per un totale di 125unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, alla Polizia Metropolitana di Napoli, alle Polizie locali dei Comuni interessati, nonché personale dell’ARPAC e dell’ASL.

Complessivamente Sono state controllate 12 attività commerciali operanti nel settore del deposito, stoccaggio e smaltimento rifiuti,alimentare e meccanico; 5 attività sono state sequestrate. Sono state controllate 85 persone di cui 7 sono state denunciate all’autorità giudiziaria e 13 sanzionate. 39 sono stati i veicoli controllati di cui 1 sequestrato. Sono stati rinvenuti 4 nuovi siti di sversamento di rifiuti di vario genere.

Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 11.500 euro. In particolare, sono stati sequestrati due capannoni di un’estesa area industriale, di circa 16.000 mq, a Sant’Antonio Abate: il primo per stoccaggio di rifiuti non autorizzato, il secondo in quanto adibito a discarica abusiva di rifiuti di varia natura. Al suo interno, oltre ad un autocarro pieno di rifiuti (anch’essosequestrato), sono stati ritrovati 4 cani rinchiusi, in precarie condizioni,in box di cemento; in un’area vicina vi era un allevamento con 15 cani.In un terzo capannone sono state sequestrate le attrezzature e i materiali di lavoro e contestate le violazioni di emissioni in atmosfera e stoccaggio di rifiuti non autorizzato. Un’officina di Giugliano è stata sequestrata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I risultati, seppur ancora parziali in quanto l’attività di controllo è ancora in corso, sono il frutto della modalità operativa di contrasto, promossa dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio e approvata dai Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica di Napoli e Caserta, basata su azioni coordinate, alle quali concorrono l’Esercito, le Forze dell’Ordine e le Polizie Locali, anche per il controllo delle aree della Terra dei Fuochi dove hanno sede siti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

Torna su
CasertaNews è in caricamento