‘Pandora’ falsi in gioielleria, dopo la perizia arriva la svolta

Disposto il dissequestro di tutta la merce finita nel mirino

“Quei gioielli sono originali”. Potranno tirare adesso un sospiro di sollievo i titolari della gioielleria “Il Diamante” di Sant’Arpino che sono finiti sotto inchiesta per un presunto giro di falsificazione di gioielli Pandora che ha portato la Procura della Repubblica di Napoli Nord a chiedere ed ottenere il sequestro della merce. Ma l’incidente probatorio ha fugato ogni dubbio: quei gioielli erano originali e non contraffatti. In seguito a questi risultati, l’avvocato Enzo Guida per conto della famiglia D’Errico proprietaria della gioielleria ha presentato un’istanza di dissequestro che è stata accolta dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli Nord. L’inchiesta partì nel 2016 e portò al sequestro dei prodotti Pandora della nota gioielleria sita in Via Gentile a Sant’Arpino ed alla denuncia ai danni dei D’Errico. Ora un primo punto fermo con il riscontro positivo sull’autenticità dei prodotti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento