Pandora falsi venduti nel Tarì, scoperto il deposito: sequestrati 2860 gioielli

Denunciato il responsabile 50enne: il laboratorio completamente abusivo

I gioielli 'Pandora' falsi venduti al Tarì

La Guardia di Finanza di Marcianise, nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio finalizzata all’individuazione di laboratori e opifici abusivi, nella giornata di ieri ha scoperto un magazzino occulto ubicato a Marcianise e utilizzato per lo stoccaggio di gioielli contraffatti a marchio “Pandora”, venduti illegalmente da un commerciante operante all’interno del noto centro orafo “Il Tarì”. Sequestrati 2.860 monili riportanti i disegni industriali e/o il logo contraffatto, oltre a quasi 900 articoli utilizzati per il loro confezionamento.

Non è passato neanche un mese dalla scoperta, sempre a Marcianise, da parte dei finanzieri della locale Compagnia di un laboratorio completamente abusivo dove venivano realizzate migliaia di copie dei famosi charm a marchio “Pandora” e ora gli stessi finanzieri sono tornati a sequestrare ancora migliaia di pezzi contraffatti pronti a invadere il mercato locale. Questa volta le Fiamme Gialle hanno bussato alla porta di un rivenditore che opera all’interno del Tarì, rappresentante legale di una società napoletana operante nel settore del commercio dei gioielli e orologi, estendendo il controllo non solo al punto vendita, ma anche ad un locale situato nelle immediate vicinanze del Centro Orafo, preso in locazione dalla stessa società, ma non dichiarato come unità locale dell’impresa.

E proprio accedendo in questo magazzino occulto i finanzieri hanno rinvenuto i monili contraffatti, 2.860 preziosi tra cui charm, bracciali, collane ed anelli, lì stoccati evidentemente con il fine di nasconderli da eventuali controlli delle Forze di Polizia presso l’esercizio aperto al pubblico. Nel locale commerciale, invece, è stato rinvenuto il materiale necessario al confezionamento. Circa 900 pezzi tra buste, scatole, sacchetti e certificati di autenticità, anch’essi riportanti il marchio contraffatto della nota griffe. Il responsabile, E.M., 50enne napoletano residente in Mugnano del Cardinale (AV), che non è stato in grado di giustificare la legittima provenienza del materiale in suo possesso, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per le ipotesi di reato di ricettazione e contraffazione. Scongiurato, dunque, un significativo danno per il brand e tutelata la buona fede e la salute dei consumatori, concretamente messa in pericolo dall’utilizzo di sostanze chimiche e materiali non sicuri e privi delle certificazioni sanitarie richieste dalla legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

Torna su
CasertaNews è in caricamento