rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca San Felice a Cancello

Morti nel crollo della palazzina: la Procura indaga per disastro colposo

Nominato un consulente per ricostruire la fuga di gas. Parla il 'miracolato' Luca: doveva essere in quella casa con moglie e figlio ma un ritardo nella consegna del materasso ha ritardato il trasferimento

Un’indagine per chiarire cosa sia accaduto a San Felice a Cancello, dove un uomo, Mario Sgambato, 74 anni, è morto sotto le macerie della propria abitazione, sbriciolatasi in seguito ad una forte esplosione che l’ha completamente distrutta. Un incidente in cui era rimasta gravemente ferita anche la moglie, Giuseppina, 74 anni anche lei, ricoverata e poi deceduta all’ospedale Cardarelli per le ustioni. La donna era stata recuperata dalle macerie dopo quasi 7 ore di ricerche.

Si indaga per disastro colposo

La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un fascicolo per disastro colposo e crollo colposo. E’ stato disposto il sequestro dell’area del disastro e nominato un consulente che dovrà far luce sulle cause della perdita di gas che hanno provocato l’esplosione. Sui corpi di marito e moglie verrà eseguita l’autopsia. L’ipotesi è che ad uccidere Mario sia stata una trave del solaio che lo ha travolto.

Luca salvato dal ritardo del materasso

Dentro la tragedia che ha colpito la famiglia Sgambato, c’è anche un’altra storia. Quella di Luca Piscitelli, che sarebbe dovuto andare ad abitare al secondo piano della palazzina esplosa, ma che ha dovuto rimandare il suo ingresso a causa del ritardo dell’arrivo del materasso, la cui consegna era prevista proprio per venerdì. “La casa era pronta dal 10 novembre” ha affermato il padre di Luca. “Mio figlio sarebbe dovuto essere in quella casa con la moglie ed il figlio”. Il ragazzo si sente un miracolato. “Era tutto pronto per essere abitabile. Noi non abbiamo fatto lavori, abbiamo fittato la casa così - ha raccontato - Oggi mi sento fortunato per me, mio figlio e mia moglie, ma sono dispiaciuto per Mario e Giuseppina, loro mi hanno visto crescere”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti nel crollo della palazzina: la Procura indaga per disastro colposo

CasertaNews è in caricamento