Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Via Gennaro Tescione

Ospedale, giallo sulla gestione della cassa e sulle riscossioni

La relazione del Ministero dell'Interno certifica che ci sono ancora problemi importanti che non sono stati risolti durante il periodo di commissariamento dell'aziensa ospedaliera

Nell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta ci sono ancora problemi legati alla gestione della cassa e della tesoreria. E’ quanto ha messo nero su bianco il ministero dell’Interno nella relazione annuale delle commissioni prefettizi nominate negli Enti sciolti per infiltrazioni camorristiche.

E dal lavoro portato avanti da Cinzia Guercio, Leonardo Pace e Michele Ametta che è terminato proprio nel 2017 sono emerse criticità importanti. “Quanto alla gestione finanziaria - si legge nella relazione - la commissione ha segnalato un mal funzionamento del servizio di tesoreria dell’Azienda, il cui rapporto contrattuale è stato oggetto di numerose proroghe negli anni, comportante eccessivi oneri di gestione ed inefficienze dovute, altresì, alla mancata liquidazione nei tempi del quantum dovuto ai fornitori. Tant’è che sono state emanate precise direttive che impongono il rispetto dei tempi di pagamento ai fornitori e la conseguente denuncia per danno erariale a carico di quanti disattendono le disposizioni”.

Ed ancora: “E’ stata richiamata l’attenzione degli uffici circa il rispetto della tempistica di liquidazione, in ossequio al principio cronologico di acquisizione delle fatture, misure, queste, che hanno comportato la riduzione dei tempi di pagamento a meno di 50 giorni. La commissione ha, più volte, indetto apposite gare per l’affidamento del servizio di tesoreria, che, tuttavia, sono sempre andate deserte”. Un’altra problematica riscontrata è stata quella relativa ai versamenti effettuati da parte della società incaricata del ritiro del contante, “con il riscontro di sfasature ingiustificate per somme non depositate. La commissione, pertanto, ha provveduto a diffidare e mettere in mora l’istituto cassiere per la restituzione del dovuto, procedendo, altresì, ad una riconciliazione dei dati contabili, aziendali e bancari. Ha, inoltre, provveduto all’implementazione della contabilità analitica, finalizzata alla redazione dei futuri bilanci di previsione”.

La commissione straordinaria ha anche riscontrato “la non corretta applicazione della normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari, con particolare riferimento all’utilizzo del Codice identificativo gara (CIG), già oggetto di segnalazione all’Autorità Nazionale Anticorruzione, la commissione ha compulsato gli uffici alla attuazione della normativa, rafforzando, nel contempo, le attività di controllo”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale, giallo sulla gestione della cassa e sulle riscossioni

CasertaNews è in caricamento