Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Operaio morto alla Reggia, autopsia per far luce sulle cause

La Procura ha disposto l'accertamento medico legale per verificare eventuali connessioni tra la fatica e l'arresto cardiaco

Sarà l'autopsia, disposta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, a far luce sulle cause della morte dell'operaio di 49 anni morto alla Reggia di Caserta a margine di un evento del Campania Beer Expo. 

Da quanto si è appreso, l'operaio, dipendente di una ditta esterna del napoletano, stava trasportando del materiale dal vestibolo superiore della Reggia al 'cannocchiale' quando, ai piedi dello scalone, è stato colto da un malore improvviso che lo ha letteralmente stroncato. Ma la Procura vuole valutare se ci sia una connessione tra l'eccessiva fatica e l'arresto cardiaco. 

Intanto l'evento è stato sospeso. Nei giorni scorsi il sindacato Usb e la sezione provinciale di Potere al Popolo erano scese in piazza per rilanciare, alla luce dell'accaduto, la raccolta firme per l'introduzione del reato di omicidio sul lavoro. "Dopo aver ripetutamente attraversato i 117 gradini dello scalone a temperature elevate, il lavoratore è stato colto da un arresto cardiaco", aveva denunciato Usb.

Sulla stessa scia anche i sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil) che in una nota avevano evidenziato: "Le morti sul lavoro non sono mai tragiche fatalità: il caldo intenso di questi giorni, lo stress a cui si è sottoposti devono far riflettere su se e come siano state poste in essere tutte le dovute precauzioni a tutela di chi per vivere ha bisogno di lavorare, anteponendo sempre la tutela al profitto o allo spettacolo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio morto alla Reggia, autopsia per far luce sulle cause
CasertaNews è in caricamento