menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schianto mortale contro albero, automobilista condannato a 3 anni

Il giudice ha accolto la tesi difensiva ed ha comminato una pena ridotta

Rischiava da 8 a 12 anni di reclusione per omicidio stradale, ma la sentenza arrivata in serata emessa dal giudice Federica Villano a carico di Giuseppe S., 32enne di Recale, ha comminato una pena molto bassa, ad appena 3 anni. La sentenza è arrivata dopo la disciussone all’esito del rito abbreviato per l’omicidio stradale del 13 agosto 2017, quando il 32enne, a bordo della sua Fiat Punto, alle 7 del mattino, e con un tasso alcolemico ben oltre i massimi consentiti dalla legge, travolse tamponandolo l’Apecar di Antonio Carangelo, 75enne di Maddaloni, che si andò a schiantare contro un albero posto sul ciglio della strada sulla strada Provinciale 335 all’altezza del noto esercizio commerciale Progress.

Il pubblico ministero Jonata Fiore, nel corso della sua requisitoria, aveva puntato il dito contro l’assoluta spregiudicatezza dell’imputato noncurante delle minime regole di rispetto della legge e del vivere civile, essendosi messo alla guida in condizioni di grave alterazione da sostanze alcoliche, addebitando completamente all'automobilista la responsabilità del sinistro mortale.

Di diverso avviso la tesi sostenuta dal difensore, l'avvocato Raffaele Carfora (nel collegio difensivo anche l’avvocato Mario Caporaso). Il legale, ricostruendo la dinamica del sinistro, ha evidenziato le molteplicità criticità emerse dalla consulenza tecnica dell’esperto nominato dal pubblico ministero, innanzitutto ricalcolando secondo un metodo diverso la velocità della Punto riportata nei limiti di velocità consentiti, e ravvedendo profili di corresponsabilità della vittima che viaggiava con un carico di attrezzi agricoli sul cassone dell’Apecar non adeguatamente sistemato in condizioni di sicurezza così da favorire la caduta e la dispersione di due trivelle agricole sul manto stradale prima dell’impatto tra i due veicoli. Inoltre, di non aver tenuto, come prescrive il codice della strada, la destr , circostanza che secondo la dinamica concreta avrebbe potuto scongiurare la traiettoria nella direzione dell’albero contro cui l’Apecar si è abbattuto. Inoltre, il difensore ha posto in luce le gravi deficienze dell’Anas, citando un decreto ministeriale del 2004 del Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti in cui si impone all’ente gestore della strada l’adozione di particolari cautele, e segnatamente di barriere di attenuazione d’urto a protezione di ostacoli fissi presenti ai lati della strade extraurbane principali e secondarie, annoverando tra gi ostacoli fissi anche le alberature. La mancata protezione dell’albero ha concorso secondo la difesa alla causazione della morte che avrebbe potuto essere evitata con le adeguate misure di prevenzione, e ciò ha indotto il giudice a riconoscere al Salvato la attenuante speciale che riduce la pena in maniera consistente. Concesse anche le attenuanti del risarcimento del danno e le generiche. La pena minima inflitta consentirà, pertanto, all'automobilista di evitare il carcere. In ogni caso, la difesa ha preannunciato ricorso in Appello, per ottenere una ulteriore riduzione della pena ai fini di ottenere la sospensione condizionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento