Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Grazzanise

Uccise un uomo in strada, confermato l'ergastolo per il figlio dell'ex vicesindaco

Condanna a 20 anni invece per il papà: l'omicidio per 'futili motivi'

Raffaele Papa rimarrà in carcere a vita. Lo ha deciso la Corte di Appello del tribunale di Firenze che ha confermato la sentenza di primo grado di condanna all’ergastolo dell’uomo che in strada a Follonica sparò e uccise Salvatore De Simone, ferendo gravemente il fratello della vittima, Massimiliano, che oggi è costretto su una sedia a rotelle, e una donna, la cui unica colpa fu quella di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Condanna confermata anche per il padre di Raffaele, Antonio Papa, ex vicesindaco di Grazzanise: dovrà scontare venti anni per concorso in omicidio.

Raffaele Papa il 13 aprile del 2018, al termine di una lite per una perdita d'acqua, nei pressi della sua attività, sparò e uccise in strada Salvatore De Simone. L’uomo tentò anche di fuggire, ma fu arrestato a Grosseto: aveva lasciato l’auto in un parcheggio in via Aurelia Nord per poi dirigersi verso la stazione ferroviaria dove probabilmente voleva prendere un treno per allontanarsi dalla città.

Raffaele Papa è stato ritenuto colpevole dell’omicidio con l’aggravante dei futili motivi e su istigazione del padre, e di tentato omicidio per aver causato i gravi ferimenti di Massimiliano De Simone, fratello della vittima, e Paola Martinozzi, una farmacista che stava passando per caso e che fu raggiunta da un proiettile al collo che le ha causato lesioni gravissime irreversibili. Antonio Papa è stato condannato anche per omicidio in concorso e porto di arma clandestina. Nel processo a Grosseto fu esclusa per entrambi la premeditazione. Le motivazioni della sentenza sono attese tra 90 giorni. Non si esclude adesso che le difese possano ricorrere anche alla Corte di Cassazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise un uomo in strada, confermato l'ergastolo per il figlio dell'ex vicesindaco

CasertaNews è in caricamento