menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'omicidio a Formia (foto Ansa)

Il luogo dell'omicidio a Formia (foto Ansa)

Uccide 17enne con una coltellata, ipotesi omicidio colposo. L'amico ancora introvabile

Il minorenne si trovava a Formia perché studia in un istituto del basso Lazio

E’ ancora in stato di fermo il 17enne di Casapulla fermato martedì sera dopo l’omicidio di Romeo Bondanese, il 17enne ammazzato con una coltellata al culmine di una lite tra giovanissimi nei pressi del Mc Donald’s di via Vitruvio, nel cuore della città. Al ragazzo viene contestato dalla Procura di Roma il reato di omicidio colposo: il delitto, dunque, viene considerato dai magistrati inquirenti come la conseguenza della rissa.  Intanto si cercando di delineare i contorni di quanto accaduto nel tardo pomeriggio di martedì a Formia: i motivi della rissa, chi vi ha partecipato. E si sta cercando ancora di rintracciare l’amico del 17enne fermato, anche lui casertano (residente a Cellole), che è scappato subito dopo la rissa mortale. Il minorenne di Casapulla si trovava a Formia in quanto frequenta un istituto della zona e, dalle prime informazioni che sono trapelate, pare che vivesse proprio nella città del basso Lazio. Romeo Bondanese aveva solo 17 anni e, come molti giovani della sua età, aveva la grande passione per il calcio; molto conosciuto in città, di buona famiglia era un ragazzo come tanti che martedì sera si era incontrato con i suoi amici in via Vitruvio per trascorrere insieme ilm pomeriggio dell’ultimo giorno di Carnevale. Una serata che, purtroppo per lui, si è chiusa in maniera tragica.

La ricostruzione del commissariato

Secondo quando ricostruito dagli agenti del commissariato di Formia, a seguito di una lite per futili motivi, due giovani erano giunti alle mani: alla colluttazione, si erano subito dopo aggiunti altri ragazzi, in tutto una decina, in reciproca difesa dei loro amici e due di essi avevano riportato gravi lesioni da arma da taglio. Nell’immediatezza, un poliziotto ed un agente penitenziario, che si trovavano sul posto liberi dal servizio, avevano bloccato un altro giovane, con la mano destra insanguinata, mentre si stava allontanando dal luogo ed indicato dai presenti come uno dei partecipanti alla violenta lite.

I tre giovani feriti venivano trasportati a mezzo ambulanza presso il locale Pronto Soccorso. Uno dei tre minori (Romeo Bondanese, residente a Formia, 17 anni) decedeva subito dopo l’arrivo presso il nosocomio a causa di una ferita da arma da taglio, in zona inguinale. L’altro (anch’egli 17enne e residente a Formia) veniva sottoposto ad intervento chirurgico per le lesioni da arma da taglio riportate sulla coscia. Il presunto autore del reato (17 anni di Casapulla), bloccato nell’immediatezza dei fatti, veniva medicato per alcuni tagli riportati sulla mano.

Le testimonianze raccolte consentivano di ricostruire la dinamica dei fatti e di individuare il presunto responsabile. Per futili motivi, la vittima era venuta alle mani con altro giovane. Nella colluttazione, alla quale si aggiungevano altri ragazzi, il fermato estraeva un coltello di tipo svizzero e infliggeva colpi all’altezza delle gambe. Il 17enne è stato accompagnato presso un centro di accoglienza minorile della Capitale. Le indagini sono coordinate dal p.m. della Procura della Repubblica c/o il Tribunale per i Minorenni di Roma, intervenuto sul luogo dell’accaduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento