Due arresti per il pedofilo ucciso: " Omicidio commissionato"

Trovata anche una pistola, i sospetti sull'auto per commettere il delitto

La vittima Matarazzo e il luogo del delitto

Un "omicidio commissionato". E' questo il sospetto della Procura di Benevento che stamattina ha spiccato due arresti per l'omicidio di Giuseppe Matarazzo, il 45enne pastore di Frasso Telesino, ucciso lo scorso mese di luglio dopo essere uscito dal carcere dove aveva scontato 11 anni per aver abusato di due ragazzine, una delle quali si tolse la vita.

In manette sono finiti Giuseppe Massaro, 55 anni di Sant'Agata de' Goti, e Generoso Nasta, 30 anni di San Felice a Cancello. Avrebbero prestato e guidato l'auto che venne utilizzata per commettere il delitto del pastore. Proprio l'auto sospetta ha messo sulle tracce giuste i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poco prima dell'omicidio, infatti, sarebbe stata notata un'auto con targa coperta nei pressi di Sant'Agata de' Goti. Gli organi inquirenti hanno rinvenuto anche una pistola 3,56 magnum su cui sono state disposte perizie per capire se è stata l'arma del delitto. Secondo gli inquirenti è molto probabile che a partecipare all'omicidio ci sia stata anche una terza persona che materialmente sparò a Matarazzo cinque colpi di pistola, di cui due andati mortalmente a segno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, sfondata la quota dei mille casi in Campania

  • Coronavirus, 20 casi nuovi. In Campania 956 contagiati

  • Coronavirus, donna contagiata a Santa Maria Capua Vetere

  • Pasqua in quarantena per il coronavirus. De Luca proroga l'isolamento

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento