menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il killer di Daniele Panipucci ripreso dalle telecamere di un locale

Il killer di Daniele Panipucci ripreso dalle telecamere di un locale

Omicidio Panipucci, 30 anni ad Esposito e Mastropietro

'O Sapunar aveva preso l'ergastolo in primo grado, in Appello arriva lo 'sconto'

Colpo di scena nel processo in Corte d’Appello a Napoli per l’omicidio di Daniele Panipucci, ucciso a Maddaloni nel 2016. La Quarta Sezione ha infatti ridimensionato la condanna a carico di Antonio Esposito, alias ‘O Sapunar, al quale in primo grado era stato inflitto l’ergastolo.

Quello che la Dda considera il boss di Maddaloni (difeso dall’avvocato Francesco Liguori) si è visto ridimensionare la pena a 30 anni di carcere, in continuazione con una vecchia condanna per associazione camorristica (in parte già scontata e che quindi dovrà essere detratta nel ricalcolo). Confermata, invece, la condanna a 30 anni Antonio Mastropietro, difeso dall’avvocato Romolo Vignola. In primo grado (per cui non è stato proposto appello) era stato invece assolto Domenico Senneca.

Daniele Panipucci, 30 anni, fu colpito da un colpo di pistola calibro 7,65 in un agguato a Maddaloni. Rimase ferito gravemente e dopo una settimana di ricovero all’ospedale di Caserta, morì. Le indagini della polizia riuscirono a ricostruire l’accaduto: in un video si vedono i tre imputati in una sala da biliardo mentre partono per recarsi sul luogo dell’agguato.

Prima Senneca, poi Mastropietro ed infine Esposito avevano confessato di aver partecipato all’agguato: in particolare ‘o Sapunar aveva ammesso di essere stato lui a premere il grilletto contro Panipucci al termine di una lite, circostanza confermata anche da Mastropietro. Entrambi però hanno dichiarato, così come Senneca, che l’omicidio non era stato premeditato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento