Cronaca

Addio al pugile scout: "Che la terra ti sia lieve, piccolo Campione"

Il gruppo Capodrise 1 ricorda Gennaro Leone ucciso da una coltellata a via Vico. Dolore nel mondo del pugilato

Era un pugile. Era uno scout ed era un bravo ragazzo. Tutto questo era Gennaro Leone, la cui vita è stata spezzata dalla follia di un 19enne che gli ha sferrato un fendente ad una gamba in un sabato sera di fine estate al centro di Caserta. 

Tanti lo ricordano. A cominciare dal gruppo Scout di Capodrise 1, frequentato da Gennaro insieme ai due fratelli. "Il dolore è grande, pure la rabbia! Un ragazzo di appena 18 anni morto perché??? Buona strada Gennaro, continua a camminare felice in un mondo più bello di quello di quaggiù. Alla tua famiglia dilaniata dal dolore e alla nostra famiglia Scout di Capodrise, che ti ha aiutato a crescere negli anni, la vicinanza e il sostegno della preghiera! Addio Gennaro, sicuramente già un angelo "pugile e scout" presso Gesù".

Sulla morte del ragazzo c'è stato anche il ricordo della Federpugilato che su twitter scrive "Che la terra ti sia lieve, piccolo Campione". Un pugile di belle speranze che frequentava la Energy Boxe di Caserta del maestro Antonio Coppola. A ricordarlo è Antonio Brillantino: "lo conoscevamo benissimo e più volte i nostri atleti si erano confrontati con lui nelle riunioni pugilistiche organizzate mesi fa. Un pugile coriaceo, un vero guerriero, forte e determinato che su ring dava filo da torcere ai suoi avversari. Le Fiamme Oro sezione giovanile di Marcianise esprimono tutto il loro dolore per la scomparsa di questo giovane ragazzo. Le condoglianze alla famiglia, al Team Energy di Caserta del Maestro Antonio Coppola e a tutto il movimento pugilistico Campano". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al pugile scout: "Che la terra ti sia lieve, piccolo Campione"

CasertaNews è in caricamento