rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca Teano

Omicidio Mollicone, giudice malato: il processo si ferma. La sentenza può slittare

Giudice a latere non nelle condizioni di presenziare in aula. Saltano tre udienze

Il processo per l'omicidio di Serena Mollicone si ferma per due settimane a causa della malattia di uno dei giudici a latere, Vittoria Sodani. Le udienze in programma per il 20, 23 e 27 maggio quindi saranno posticipate al prossimo 6 giugno quando ad essere ascoltati saranno 7 testimoni della difesa. 

A ufficializzare il blocco del dibattimento è stata una nota a firma del presidente della Corte d'Assise, il dottor Massimo Capurso. Nella passata udienza, che si è tenuta mercoledì 18 maggio, protagonista induscusso è stato l'ex comandante della caserma di Arce, il maresciallo dei Carabinieri oggi in pensione, Franco Mottola che, con delle dichiarazioni spontanee, ha spiegato la sua verità riguardo la morte della studentessa di Arce assassinate nel giugno del 2001 molto probabilmente nella struttura militare. 

Il processo, salvo ulteriori imprevisti, dovrebbe concludersi a metà del mese di luglio con il pronunciamento della sentenza. Ma a questo punto la decisione finale potrebe anche slittare più avanti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Mollicone, giudice malato: il processo si ferma. La sentenza può slittare

CasertaNews è in caricamento