Omicidio Mollicone, la Procura: "Processo per il maresciallo e gli altri 4 imputati"

Il gup respinge le eccezioni della difesa. Lo zio della vittima: "Dura ascoltare la ricostruzione"

Il maresciallo di Teano Franco Mottola

Il pubblico ministero Maria Beatrice Siravo ha chiesto ufficialmente il rinvio a giudizio di Franco Mottola di Teano, maresciallo dei carabinieri, del figlio Marco, della moglie Annamaria e di altri due carabinieri accusati, a vario titolo, dell’omicidio di Serena Mollicone, la 18enne di Arce assassinata nel 2001. Secondo la Procura di Cassino, la ragazza fu uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce ed il suo corpo poi abbandonato in un altro luogo. 

Il giudice per le udienze preliminari, nell’udienza di stamane, ha dato parere negativo alle eccezioni presentate dalla difesa dei cinque imputati. In particolar modo la richiesta da parte dei legali della famiglia Mottola sulla genericità del reato contestato, quello di omicidio volontario. L'ex comandante della caserma di Arce, Franco Mottola, unitamente al figlio Marco ed alla moglie Annamaria, sono accusati del reato di omicidio volontario ma nello specifico l'accusa non chiarisce chi dei tre potrebbe aver sferrato il pugno contro la testa di Serena. Un colpo violento che ha scaraventato la ragazza contro la porta e che l'ha portata a perdere i sensi. 

A margine dell’udienza, come racconta FrosinoneToday, ha parlato Antonio Mollicone, zio di Serena: “E’ stato doloroso dover sentire come Serena potrebbe essere stata assassinata ma in passaggio simile era necessario per arrivare finalmente alla verità". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prossima udienza è fissata per il 13 marzo quando a prendere la parola saranno gli avvocati della difesa; il 20 marzo potrebbe arrivare la camera di consiglio con la conseguenze decisione del giudice. Nell'udienza di oggi a prendere la parola dopo il magistrato è stato il legale della famiglia di Santino Tuzi, l'avvocato Elisa Castellucci che ha ribadito quando sia stata importante la dichiarazione rilasciata dal brigadiere inerente l'ingresso di Serena Mollicone nella caserma di Arce quel 1 giugno del 2001. L'avvocato Castellucci, come il magistrato, ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli indagati. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Francesco Germani, Francesco Candido, Paolo Arpino ed Eduardo Rotondi. La parte civile è rappresentata dagli avvocati Dario De Santis, Sandro Salera ed Elisa Castellucci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Camorra a Caserta, accuse via social per prendere il potere: "Infame, te la fai con le guardie"

  • Ragazza muore ad appena 26 anni: gli amici sotto choc

Torna su
CasertaNews è in caricamento