Cronaca Teano

Omicidio Mollicone, l'accusa si rafforza con un secondo pm

Siravo sarà affiancata da Fusco per il dibattimento sul giallo di Arce

Serena Mollicone

Il processo Mollicone, con la ripresa a settembre dopo la pausa estiva, avrà la pubblica accusa potenziata: il magistrato titolare delle indagini, Maria Beatrice Siravo (promossa e trasferita presso la Corte d'Appello di Roma ma applicata a Cassino solo per portare a termine il delicato dibattimento sull'omicidio di Arce) sarà affiancata da un altro magistrato donna, la collega Maria Carmen Fusco. A darne annuncio ieri il procuratore capo Luciano d'Emmanuele.

L'alto numero di testimoni da ascoltare ha richiesto quindi un incremento dell'accusa che potrà quindi alternarsi in domande e contraddittori e repliche alla difesa. In questo modo, spiega FrosinoneToday, verranno abbattuti i tempi delle udienze nel pieno rispetto del calendario stilato dal presidente della Corte d'Assise, il dottor Massimo Capurso. 

Nel processo per l'omicidio di Serena sono imputati l'ex comandante dei carabinieri della stazione di Arce, Franco Mottola, la moglie Annamaria, il figlio Marco (tutti di Teano) e due carabinieri all'epoca in servizio presso la caserma, Vincenzo Quatrale e Francesco Suprano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Mollicone, l'accusa si rafforza con un secondo pm

CasertaNews è in caricamento