rotate-mobile
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Ordine d'arresto per Emilio Lavoretano. "Pericolo di fuga e reiterazione del reato"

E' stato condannato a 27 anni in primo grado per l'omicidio della moglie Katia Tondi. Fermato in strada mentre era con un amico: portato in Questura, poi in carcere. La difesa subito al Riesame

Colpo di scena nell’inchiesta per l’omicidio di Katia Tondi, la mamma di 31 anni uccisa appartamento al Parco Laurus di San Tammaro il 20 luglio 2013, per il cui delitto è stato condannato in primo grado il marito Emilio Lavoretano, con sentenza emessa a dicembre dalla Corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Una condanna a 27 anni arrivata al termine di un processo che Emilio Lavoretano ha affrontato sempre da uomo libero e che la difesa ha già annunciato di voler impugnare.

Questa mattina Lavoretano è stato fermato dagli agenti della Squadra Mobile in strada mentre era insieme ad un’altra persona ed è stato portato in Questura a Caserta dove gli è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere ed è stato disposto il suo accompagnamento nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. 

Il provvedimento è stato emesso su richiesta magistrato Fede della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per un paventato “pericolo di fuga” legato al tentativo di depistaggio delle indagini che Emilio avrebbe tentato di effettuate parlando di possibile rapina dietro l’omicidio della moglie; ed inoltre il pericolo che Emilio Lavoretano possa “reiterare il reato” in quanto potrebbe essere “non capace di governare il suo stato di ira” avendo commesso un omicidio d’impeto.

Contestualmente questa mattina sono state depositate in cancelleria anche le motivazioni della sentenza di condanna a carico del marito di Katia Tondi; e sarà proprio su quel testo che dovrà basarsi il ricorso alla Corte d’Appello di Napoli a cui dovrà lavorare nelle prossime ore l’avvocato difensore Natalina Mastellone che, intanto, nella giornata di giovedì presenterà subito l’istanza al tribunale del Riesame per far annullare l’ordine di arresto deciso dalla Corte d'Assise.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordine d'arresto per Emilio Lavoretano. "Pericolo di fuga e reiterazione del reato"

CasertaNews è in caricamento