Ucciso nell'agguato a soli 18 anni: si batte la pista della camorra. Indaga la Dda

E' il fratello di una delle nuove leve del clan Bidognetti. Ferito da 4 colpi di pistola

La vittima Antimo Giarnieri

Sette colpi di pistola di cui 4 a segno su Antimo Giarnieri, il 18enne di Aversa ucciso a Casoria. L'agguato assume i contorni di una vera e propria esecuzione con le indagini che non escludono nessuna ipotesi, nemmeno quella legata alla camorra. L'inchiesta è seguita dai carabinieri di Castello di Cisterna coordinati dalla Dda. 

Il 18enne ucciso, incensurato, è il fratello di Vittorio Giarnieri, 27 anni aversano, condannato nell'ambito dell'inchiesta sul gruppo della "Nuova Gerarchia del clan dei Casalesi". Un gruppo che, con il placet della fazione Bidognetti, mirava ad espandersi, a suon di attacchi dinamitardi, non solo nel territorio casertano ma anche nell'area giuglianese. 

Giarnieri, ferito da quattro dei sette colpi calibro 7.65 sparati, è stato inutilmente trasportato d'urgenza al San Giovanni Bosco. Anche un suo amico è rimasto ferito ed è arrivato poco dopo nello stesso ospedale. Non ancora 17enne, questi si trova in condizioni definite "non gravi" dai medici. La speranza degli inquirenti è che possa fornire dettagli importanti per lo svolgersi delle indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento