rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca Castel Volturno

Giovane papà investito ed ucciso, familiari chiedono giustizia al sottosegretario

Esplode la rabbia dopo il verdetto del gup per il 37enne ucraino responsabile dell'omicidio di Giorgio Galiero. "Con chi uccide non si patteggia". Organizzata una tavola rotonda con Vittorio Ferraresi

"Con chi uccide non si patteggia, chiediamo giustizia per Giorgio". E' davvero tanta la rabbia di cittadini, attivisti, associazioni dopo il verdetto del gup per il 37enne ucraino Mikola Girniak, responsabile dell'omicidio di Giorgio Galiero, il giovane papà travolto da un'auto ed ucciso a Castel Volturno il 17 agosto del 2019, mentre passeggiava col figlioletto di 6 anni in via delle Acacie a Pinetamare. La richiesta di patteggiamento da parte del 37enne ucraino, accolta dal giudice del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, non è stata ben 'digerita' in città, soprattutto dai familiari che ora chiedono giustizia al sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, Vittorio Ferraresi.

Si terrà a tal proposito, lunedì 20 luglio alle 18, una importante tavola rotonda presso lo Spazio 5 Stelle Aversa e Agro Aversano in via Magenta. Un incontro al quale parteciperanno Vittorio Ferraresi, Nicola Grimaldi (deputato del M5S), Alberto Pallotti (presidente dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada), Biagio Ciaramella (responsabile dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada - Aversa ed agro aversano), Elenza Ronzullo (presidente dell'associazione "Mamme coraggio"), Marcello Buompane (geometra ed esperto di sicurezza stradale), Francesca Valente (compagna di Giorgio Galiero), Roberto Romano (consigliere comunale di Aversa del M5S).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane papà investito ed ucciso, familiari chiedono giustizia al sottosegretario

CasertaNews è in caricamento