Cronaca Cesa

Uccisi in strada i fratelli Marrandino: fermato il killer

Indagano i carabinieri di Marcianise. Sono un avvocato e un imprenditore

Un duplice omicidio, legato ad una vendita all'asta giudiziaria. Le due vittime, entrambe originarie di Cesa, sono Marco e Claudio Marrandino, rispettivamente di 39 e 29 anni. Marco, avvocato ed ex presidente del consiglio comunale durante la consiliatura di Cesario Liguori dal 2012 al 2015, e Claudio, imprenditore nel campo dell’edilizia. Sono stati freddamente assassinati verso le 14 di oggi (15 giugno) all'uscita dell'Asse mediano, in territorio di Succivo, mentre erano a bordo della propria auto.

Il corpo di Claudio Marrandino è stato rinvenuto all'interno di una Bmw bianca, mentre quello di Marco è stato trovato a circa cinque metri di distanza dall'auto. Entrambi sono stati uccisi con colpi alla testa, un chiaro segno che l'assassino voleva assicurarsi che non sopravvivessero. L'azione, descritta come fredda e calcolata, sembra essere stata pianificata nei minimi dettagli.

I carabinieri di Marcianise, giunti sul luogo del delitto, hanno immediatamente avviato le indagini. La pista principale seguita al momento è quella di una ritorsione legata a una vendita all’asta giudiziaria. Non si esclude una lite per motivi di viabilità. I carabinieri di Marcianise confermano un fermo di un uomo.

La notizia del duplice omicidio ha scosso profondamente le comunità di Succivo e Cesa. Marco Marrandino era una figura conosciuta e rispettata per il suo passato politico, mentre Claudio era noto nel settore edile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisi in strada i fratelli Marrandino: fermato il killer
CasertaNews è in caricamento