menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore dopo pestaggio in cella, nessun colpevole dopo 8 anni

La Corte d'Assise ha assolto i 3 imputati dopo che il testimone oculare dell'aggressione non è stato più rintracciato

Un omicidio senza colpevoli. La Corte d’Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha assolto Massimo Maiorano, Attilio Ravizzola e Cosimo Damiano Stella, tutti accusati di aver picchiato, causandone la morte, Cibati Seiano, che era rinchiuso con loro nell’Opg di Aversa.

I fatti sono avvenuti nel 2011. L’aggressione, secondo quella che era stata la ricostruzione della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, scattò perché, secondo la ricostruzione, nell’Opg si era sparsa la voce che la vittima era un pedofilo.

Nella ricostruzione dei fatti, il magistrato aveva chiesto di poter rintracciare il rumeno compagno di cella di Seiano, che aveva assistito all'aggressione: lo stesso era stato rintracciato a Marsiglia, in Francia, ma dopo qualche settimana fece perdere le sue tracce e non è stato più trovato. Nel processo erano imputate altre 2 persone, che, però sono nel frattempo decedute.

Le assoluzioni, successivamente al deposito delle motivazioni, potranno essere impugnate in Corte d'Appello da parte della Procura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tre bambini contagiati, il sindaco chiude 2 scuole

  • Cronaca

    Tragedia nella frazione: 40enne trovata morta in casa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento