rotate-mobile
Cronaca Cesa

Muore dopo rissa al bar, 23enne a processo con abbreviato

Tazi ha optato per il rito alternativo per l'omicidio preterintenzionale di Marino

Sarà processato con rito abbreviato Aymana Tazi, marocchino 23enne residente a Cesa, accusato dell'omicidio preterintenzionale di Angelo Marino, avvenuto a Cesa alla fine di settembre dell'anno scorso. 

Il gup Coppola del tribunale di Napoli Nord ha fissato l'udienza all'inizio di maggio. Il gip Giovanniello aveva disposto il processo con immediato ma l'imputato ha optato per il rito alternativo. 

Secondo l'accusa, Tazi in seguito ad un litigio per futili motivi con Marino, avvenuto all'interno del bar "Trivio" di piazzetta De Giorgi a Cesa, lo avrebbe aggredito fisicamente fuori il locale colpendolo con due pugni al volto e sferrandogli, quando la vittima ormai era a terra, calci all'addome ed alla testa. Per la Procura quei colpi violenti avrebbero procurato lesioni a Marino alla base del decesso. I medici del 118 giunti sul posto non riuscirono a rianimarlo. Marino, 36 anni, era uscito dal carcere pochi giorni prima.  

I familiari della vittima si sono costituiti parte civile con l'avvocato Luigi Marrandino. Il 23enne marocchino, invece, è difeso dall'avvocato Francesco Lettieri.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore dopo rissa al bar, 23enne a processo con abbreviato

CasertaNews è in caricamento