rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca San Marco Evangelista

Badanti uccisi: confermato in Appello ergastolo per ristoratore

La Corte d'Assise d'Appello di Catania valida il verdetto di primo grado per Riccioli per l'omicidio di Alessandro e Luigi

Ergastolo. La Corte d'Assise d'Appello di Catania conferma la pena per Gianpiero Riccioli, il ristoratore accusato dell'omicidio di Alessandro Sabatino, 40enne di San Marcellino, e Luigi Cerreto, 23 anni di San Marco Evangelista, badanti del padre dell'assassino.

Conferma integrale del verdetto di primo grado nonostante una seconda perizia sulla capacità di intendere e volere al momento del fatto da parte di Riccioli. Confermate anche le statuizioni civili per i familiari delle due vittime, che si sono costituiti in giudizio con gli avvocati Natalino Giannotti, Ciro Paolo Ascione, Vincenzo Guida, Sabrina Girotti e Daniele Scrofani. La Corte non ha preso termini per depositare la sentenza, che dunque verrà depositata nei prossimi 15 giorni. Poi la difesa dell'imputato valuterà se ricorrere o meno in Cassazione. 

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Riccioli avrebbe ucciso e fatto sparire i corpi di Sabatino e Cerreto. Alla base del duplice delitto ci sarebbero state delle denunce di maltrattamenti da parte dei due, che lavoravano come badanti per il padre di Riccioli. Per questo i due, nel 2014, vennero uccisi e fatti sparire.  Alessandro e Luigi sarebbero stati legati con delle fascette, fatti inginocchiare e sparati in testa. Una vera e propria esecuzione. Poi vennero sepolti nel giardino della villa - in contrada Tivoli, vicino Siracusa - in un punto su cui poi venne realizzato un barbecue in muratura. I loro corpi sono stati ritrovati solo nel 2021. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Badanti uccisi: confermato in Appello ergastolo per ristoratore

CasertaNews è in caricamento