Cronaca Teano

Uccide pensionato a pugni, in manette 48enne

Il pensionato era seduto su una panchina in attesa della moglie che uscisse dalla chiesa

È stato arrestato per omicidio preterintenzionale Benedetto Montaquila, 48 anni di Teano. L'uomo, domenica, ha massacrato di botte un pensionato a Gaeta, morto nelle scorse ore per le percosse subite.

Il 48enne mentre stava passeggiando per le strade della cittadina del basso Lazio ha preso a pugni Alessandro Gallinaro, 77 anni di Gaeta. Il pensionato era seduto su una panchina in attesa della moglie che era in chiesa. 

Dopo l'aggressione è stato lo stesso Montaquila a chiamare la polizia. La segnalazione, però, riguardava un uomo che si stava denudando in strada davanti a dei bambini. Giunti sul posto gli agenti hanno, però, trovato il povero Gallinaro. Aveva il volto tumefatto ed aveva perso i sensi. Immediato il trasporto in ospedale dove dopo circa 48 ore il suo cuore ha smesso di battere.

Dall'autore della segnalazione la polizia è riuscita a risalire al presunto killer. Le indagini, coordinate dal pm Emanuele De Franco della Procura di Cassino, hanno permesso di ricostruire l'accaduto e stringere il cerchio proprio su Montaquila che è stato arrestato. Il 48enne, già con precedenti penali ed affetto da disturbi psichici, è stato trasferito nel carcere di Frosinone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide pensionato a pugni, in manette 48enne

CasertaNews è in caricamento