rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Non si ferma all'alt della polizia locale: "Credevo fossero ladri"

Il 42enne fermato dopo un lungo inseguimento è risultato positivo all'alcol test. Incassa 7 mesi di lavori socialmente utili

Sette mesi di reclusione tramutabili in lavori di pubblica utilità e obbligo di dimora nel comune di residenza. È quanto disposto dal giudice monocratico Giuseppe Meccariello del tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di A.D., 42enne di Vitulazio, tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale nella serata di domenica 8 ottobre.

Verso le 19,30 una pattuglia della polizia municipale di Santa Maria Capua Vetere, impone l'alt a una Fiat Punto in transito nei pressi del cimitero. L'automobile, con tre persone a bordo, però, non si ferma e anzi tenta la fuga. Immediatamente gli agenti di polizia locale, coordinati dal tenente Salvatore Borrozzino, vanno all'inseguimento della vettura. La Fiat Punto si dirige verso Sant'Angelo in Formis. Lì gli agenti riescono a fermare i tre fuggiaschi che vengono poi condotti al comando.

Il conducente del veicolo viene sottoposto ad accertamenti sul tasso alcolemico e l'esito è positivo: era alla guida sotto l'effetto di sostanze alcoliche. L'uomo quindi viene fermato per guida in stato di ebbrezza e gli viene ritirata la patente. Inoltre gli viene contestato il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Assistito dal suo legale, l'avvocato Mariano Omarto, il 42enne ha spiegato al giudice in sede di rito abbreviato, che non si era accorto che a intimargli l'alt fosse una pattuglia della polizia municipale e che pensando fossero ladri, è fuggito in preda al panico. Solo nel corso dell'inseguimento si è poi reso conto che si trattasse di poliziotti locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si ferma all'alt della polizia locale: "Credevo fossero ladri"

CasertaNews è in caricamento