Morto in cantina, l’autopsia chiarirà le cause del decesso

La salma del 71enne recuperata dai pompieri: aveva un polso piegato su se stesso

Sarà l’autopsia a fare chiarezza definitiva sul decesso del 71enne trovato morto nel tardo pomeriggio di domenica sul fondo delle ripide scale della cantina della propria abitazione, a circa 15 metri di profondità in via Salvator Dalì a Trentola Ducenta. Era riverso a terra con un polso ripiegato su se stesso. Tutto lascia pensare che ad uccidere l’uomo possa essere stato un malore provocato dalle esalazioni: la salma è stata recuperata dal personale del 118 e dei vigili del fuoco di Aversa e Caserta. L'allarme è stato lanciato dai familiari che non avevano notizie dell'anziano dal  pomeriggio, poi la macabra scoperta. I soccorritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo. I caschi rossi hanno provveduto alle operazioni di recupero della salma che è stata trasportata all'istituto di medicina legale per l'esame autoptico. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Aversa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento