rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca Parete

Muore per il caldo mentre sta lavorando

La Flai-Cgil ha inviato una richiesta alla Regione Campania: "Stop ai lavori all'aperto dalle 12:30 alle 16:30". Il senatore Santillo (M5S): "Le nostre battaglie per i diritti dei lavoratori vanno intensificate"

Secondo decesso di un bracciante agricolo in appena due settimane. Dopo quello avvenuto a Falciano del Massico la tragedia si è ripetuta a Parete qualche giorno fa ma la notizia è stata appresa solo nelle ultime ore. La vittima è stata colpita da arresto cardiaco a causa delle elevate temperature. Ad intervenire sulla questione sono stati Giovanna Basile, segretaria generale Flai-Cgil Napoli e Campania, e Igor Prata, segretario generale Flai-Cgil Caserta.

"Alla Regione Campania - hanno spiegato i due rappresentanti sindacali - abbiamo chiesto di adottare un'ordinanza, come già fatto in Puglia e Calabria, che vieti lo svolgimento di lavori all'aperto tra le 12:30 e le 16:30. La nostra richiesta non ha ancora ricevuto riscontri, tranne che la convocazione in commissione Agricoltura al Consiglio regionale. Cosa dobbiamo ancora attendere? Un altro bracciante morto?".

Flai-Cgil Napoli e Campania e Flai-Cgil Caserta lanciano un appello non solo alle istituzioni ma anche alle aziende: "Due giorni fa Inps e Inail - ricordano Basile e Prata - hanno pubblicato le istruzioni per la cassa integrazione ordinaria in caso di sospensione o riduzione dell'attività lavorativa a causa delle temperature elevate, alla quale le aziende possono accedere quando il termometro supera i 35 gradi centigradi. Ai fini dell'integrazione salariale possono essere considerate idonee anche le temperature percepite. Per il settore agricolo si applicherebbe la Cisoa".

Poi concludono: "Ci auguriamo che si intervenga quanto prima. Agosto è alle porte e le previsioni non danno cenno di una tregua da parte del caldo e se non si prenderanno i necessari provvedimenti ci ritroveremo a contare ancora vittime del lavoro in agricoltura".

Sulla vicenda è intervenuto anche il senatore del Movimento 5 Stelle Agostino Santillo: "Esprimo profondo dolore per l’ennesima tragedia nei campi avvenuta a Parete. Si tratta purtroppo della seconda vittima in due settimane per il territorio casertano, dove l’agricoltura rappresenta la vita per moltissime famiglie. Esprimo tutta la mia vicinanza, da parlamentare del territorio, alle famiglie delle vittime. Adesso è il momento del cordoglio, ma mi sembra chiaro che le nostre battaglie per i diritti dei lavoratori vadano intensificate con ancora più forza, così come queste altissime e anomale temperature devono portarci a comprendere che non c’è futuro senza una reale transizione ecologica ed una sostenibilità che freni questi disastrosi cambiamenti climatici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore per il caldo mentre sta lavorando

CasertaNews è in caricamento