Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Minacce a Saviano e Capacchione: "Gomorra mi ha salvato la vita"

La testimonianza della giornalista nel processo a boss ed avvocati: "Senza quel libro non sarei qui"

Rosaria Capacchione e Roberto Saviano

Gomorra le ha salvato la vita. Lo ha detto Rosaria Capacchione nel corso del processo, che si sta celebrando a Roma, al boss del clan dei Casalesi, Francesco Bidognetti e agli avvocati Michele Santonastaso e Carmine D'Aniello, per le minacce rivolte in aula a Napoli, nel 2008, a lei e allo scrittore Roberto Saviano.

A riferirlo l'Adnkronos. "Saviano col suo libro mi ha salvato la vita - ha detto Capacchione - è stato uno scudo anche per me. L'attenzione mediatica planetaria sul clan dei Casalesi, conseguente al successo di Gomorra, ha ridimensionato la protervia con cui i casalesi hanno portato a compimento indisturbati centinaia di omicidi. Io non sarei stata qui senza quel libro".

Come parte civile la Federazione Nazionale della Stampa, rappresentata dall'avvocato Giulio Vasaturo, e l'Ordine dei giornalisti della Campania. "Rosaria Capacchione ha visto mutare radicalmente la sua vita personale e professionale a causa del proclama di morte letto in aula dagli avvocati dei boss dei Casalesi, nel corso del processo Spartacus - ha sottolineato l'avvocato Giulio Vasaturo della Fnsi - E' stata una testimonianza molto toccante. Per troppo tempo, questa giornalista coraggiosa è stata lasciata sola in un territorio di frontiera. Oggi in aula, al suo fianco, c'erano idealmente tutti i cronisti con la schiena dritta". Tre anni fa era stata dichiarata nulla la sentenza di primo grado dalla Corte di Appello di Napoli per incompetenza territoriale e il procedimento è stato trasferito a Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce a Saviano e Capacchione: "Gomorra mi ha salvato la vita"

CasertaNews è in caricamento