Minacce di morte alla ex moglie, vigilante libero dopo 9 giorni in carcere

I giudici non credono completamente alla denuncia della vittima. Disposto il divieto di avvicinamento

La donna ha depositato anche le chat con le minacce

Torna libero dopo nove giorni di carcere S. D. C., ventiquattrenne vigilante di Casapesenna, responsabile di maltrattamenti, minacce ed atti persecutori nei confronti dell'ex moglie ventottenne, R. P., anch'ella di Casapesenna.  

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha accolto i rilievi dei difensori del giovane, gli avvocati Felice Belluomo ed Anna Pirozzi, disponendo la sostituzione della custodia cautelare presso il carcere di Reggio Emilia con quella meno afflittiva del divieto di avvicinamento alla persona offesa del reato. S. D. C. era stato tratto in arresto dai carabinieri della compagnia di Reggio Emilia, suo attuale domicilio, poiché gli venivano contestate reiterate condotte maltrattanti nei confronti dell'ex moglie 28enne tra cui numerosi messaggi scritti e vocali con minacce sempre più gravi sia nel contenuto che nei toni tra cui "io ti squarto viva", "fai conto che la tua casa è già appicciciata con la benzina" che portarono i carabinieri reggiani all'esecuzione del provvedimento cautelare disposto dal gip del Tribunale di Napoli Nord.

I giudici partenopei, però, non hanno creduto completamente alla versione resa dalla vittima che in una denuncia sporta presso la stazione dei carabinieri di San Cipriano D'Aversa asseriva di aver ricevuto diversi episodi di maltrattamenti durante i quali, in virtù del suo ruolo di vigilante a Reggio Emilia, S. D. C l'avrebbe minacciata con l'arma di ordinanza in un visibile stato d'alterazione dovuto all'utilizzo di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana) di cui ne sarebbe stato assuntore. Elementi strutturali del reato di maltrattamenti e di atti persecutori che sono crollati grazie ai riscontri della difesa.

Le analisi cliniche, infatti, hanno attestato la non assunzione di sostanze stupefacenti. Inoltre, quell'arma non è mai esistita giacché S. D. C. svolge una vigilanza non armata. Rilievi che hanno portato i giudici del Riesame a ridimensionare le contestazioni delittuose a carico del 24enne, restituendogli la libertà dopo 9 giorni di carcere, con la sola misura del divieto di avvicinamento all'ex moglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento