rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca Mondragone

Minacce all'ex convivente davanti alla figlia di 7 anni, assolto dal giudice

Per il giudice del tribunale "il fatto non sussiste"

Maltrattamenti in famiglia aggravati dalla presenza della figlia di 7 anni e lesioni personali: assolto 36 enne nigeriano. Si tratta di Joseph M. residente a Mondragone località Pescopagano nei riguardi del quale la Seconda Sezione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere in composizione collegiale presieduta dal giudice Rosetta Stravino ha pronunciato forma assolutoria 'perché il fatto non sussiste' in merito al reato di maltrattamenti in famiglia aggravato dalla presenza della figlioletta di soli 7 anni, vittima di violenza assistita.

Joseph M. secondo la Pubblica Accusa assumeva già dal 2014 con condotta perdurante atteggiamenti aggressivi e prevaticatori nei confronti dell'ex convivente J. P. aggredendo sistematicamente per futili motivi (il più delle volte sotto l'effetto di sostanze stupefacenti). La colpiva con schiaffi, pugni, calci ed in una circostanza, nel ferragosto 2020, dopo averla aggredita la portava in strada costringendola a scappare. In un'altra occasione risalente al mese di novembre 2020 dopo aver costretto la donna ad allontanarsi dalla casa familiare e vedere la figlioletta solo in casa, nel tentativo della donna di portare la bimba fuori dall'abitazione veniva colpita violentemente con pugni e calci dall'indagato tanto da provocarle lesioni personali (contusione del  globo oculare).

J. P. veniva minacciata di morte dall'ex compagno che per avvalorare le minacce inoltró anche la foto di un coltello mediante Whasapp. Joseph M. assistito dal suo legale Davide Piccirillo ha chiarito la sua posizione agli inquirenti di completa estraneità agli addebiti contestati ottenendo così l'assoluzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce all'ex convivente davanti alla figlia di 7 anni, assolto dal giudice

CasertaNews è in caricamento