Cronaca Santa Maria Capua Vetere

"Mi ha sequestrato nel negozio". Chiusa l'indagine sul commerciante

Il gip archivia l'inchiesta. Il quelerante è sotto processo per truffa

Denunciò per sequestro di persona il titolare di un noto negozio di arte sacra dell’hinterland sammaritano ma il Giudice per le Indagini Preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Veteressa Alessia Stadio, accogliendo la tesi dei difensori dell’ indagato C.O., ha archiviato la querela nei confronti del titolare dell’esercizio commerciale difeso dagli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo.

Ora il denunziante rischia di finire sotto processo anche per il reato di calunnia. I fatti risalgono ad alcuni anni fa quando il quelerante, di tutto punto, si presentò nel negozio di arte sacra qualificandosi come incaricato di una società finanziaria che doveva riscuotere dei soldi dal titolare commerciale. Al che il negoziante, intuendo che si trattava di una truffa che stava per essere compiuta ai suoi danni chiamò prima la società interessata (che disconobbe l'incaricato) e poi i militari della Guardia di Finanza di Capua che subito intervennero redigendo apposita annotazione di polizia giudiziaria.

Non contento di essere stato denunciato per truffa  processo ancora pendente presso il Tribunale sammaritano), il 'riscossore' denunziò a sua volta il titolare dell’esercizio commerciale per sequestro di persona in quanto, a suo dire, il negoziante avrebbe chiuso, alla presenza di un testimone,  la porta d’ingresso principale impedendo che lui potesse andare via in attesa dei militari.

Ma è stato proprio quel testimone presente ai fatti, sentito dall’autorità giudiziaria come ha evidenziato il giudice Stadio, che ha smentito il quelerante che ha dichiarato il falso e ora rischia di finire sotto processo per il reato di calunnia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi ha sequestrato nel negozio". Chiusa l'indagine sul commerciante

CasertaNews è in caricamento