Mercedes sul capannone del ministro dei rifiuti del clan

Blitz di Borrelli e De Biase nel terreno sequestrato ai Vassallo a San Giuseppiello

La Mercedes parcheggiata su un capannone

Un monumento ai Vassallo nel podere di San Giuseppiello, sequestrato alla famiglia di Gaetano Vassallo, di Cesa, il Ministro dei Rifiuti (oggi collaboratore di giustizia) del boss Francesco Bidognetti. E' quanto hanno rinvenuto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che ha effettuato un blitz nell'area insieme al commissario per le bonifiche Mario De Biase

Il monumento "ad imperitura memoria" non è altro che una Mercedes parcheggiata su uno dei capannoni presenti nell'area, un tempo utilizzata come discarica illegale per sotterrare i veleni provenienti dal centro-nord ed oggi interamente bonificata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Lo Stato ha tolto questa area alla camorra ma in realtà il potere dei Vassallo si fa ancora sentire qui ha dichiarato Borrelli - Innanzitutto quando lo Stato ha sequestrato le aziende del clan se ne è appropriato accollandosi i costi dei dipendenti tra cui tanti parenti del clan. Per cui ora tutta una serie di camorristi vive alle spese delle casse pubbliche. La cosa più raccapricciante, però, è il simbolo che i Vassallo hanno voluto lasciare qui. Quando c’è stato il sequestro dei beni, la famiglia ha pensato bene di mettere una delle loro auto messe sotto sequestro, una Mercedes, sul tetto di un casolare. Questo per lasciare una testimonianza del loro potere che ancora aleggia su   queste terre. Per questo, la prossima operazione da fare qui è rimuovere quell’auto, quella mostruosità che è simbolo di marciume, corruzione e vigliaccheria che da 12 anni si trova su quel tetto. I Vassallo hanno ucciso e fatto morire migliaia di persone, di innocenti e di bambini, il loro nome deve scomparire, non deve esserci più traccia di loro qui, né da nessuna parte". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Macchia nera, scoperta choc: "Dna umano". Sequestrato depuratore: "Fogne direttamente nel canale"

Torna su
CasertaNews è in caricamento