rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
0 °
Cronaca Aversa

Mercato nero dei farmaci, torna libero il "postino" della banda

Revocati gli arresti domiciliari per Natale. Era il titolare del "box office" da cui partivano le spedizioni per l'estero gestite dai Casalesi

Quando il gruppo della Nuova Gerarchia dei Casalesi, guidato da Massimo Perrone, aveva puntato sul business della rivendita internazionale dei farmaci rubati, Gianluigi Natale, 29 anni di Aversa, aveva messo a disposizione il suo "box office" per la spedizione dei farmaci all'estero.

Per questo nel settembre 2019 Natale venne raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare per effetto della quale era stato spedito agli arresti domiciliari. A distanza di oltre un anno di detenzione domestica, il gup Campanaro ha accolto l'istanza del suo difensore, l'avvocato Mirella Baldascino, disponendo la sostituzione della misura cautelare con quella meno afflittiva dell'obbligo di presentazione alla Pg.

L'inchiesta aveva fatto emergenre come il gruppo, con il placet della fazione Bidognetti dei Casalesi, trafugasse ricette presso ospedali e studi medici, prelevasse i farmaci a carico del Sistema Sanitario Nazionale e li spedisse anche all'estero. Secondo gli inquirenti in questo modo avrebbero guadagnato circa 600mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato nero dei farmaci, torna libero il "postino" della banda

CasertaNews è in caricamento