Cronaca Maddaloni

Bambini esclusi dalla mensa scolastica, scoppia la rivolta

La Cgil chiede un incontro al commissario straordinario

Stop al servizio di mensa scolastica per 50 bambini di Maddaloni. È il caso denunciato dalla Cgil tramite il segretario di Caserta Matteo Coppola, che spiega cosa sta accadendo nel Comune commissariato in attesa delle elezioni del prossimo 4 marzo.

I bambini, rivela Coppola, “sono stati esclusi ormai da oltre due settimane dal servizio di refezione per le inadempienze nei pagamenti dei genitori, nella maggior parte dei casi legati a problemi burocratici o a gravi difficoltà economiche, non certo a cattiva volontà”.

Emanuela Borrelli, Dipartimento Politiche Sociale della Cgil di Caserta, ribadisce “Non possiamo accettare che di fronte alle reali difficoltà socioeconomiche delle famiglie, le Istituzioni reagiscano punendo i bambini, escludendoli dalla possibilità di condividere il momento del pasto con altri bambini “più fortunati”, impedendogli una continuità nell’offerta formativa che non è solo in aula, ma in tutte le attività che vengono svolte nelle scuole”. La Cgil ha quindi richiesto un incontro urgente col commissario straordinario del Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini esclusi dalla mensa scolastica, scoppia la rivolta

CasertaNews è in caricamento