menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rimedia agli abusi commessi dal proprietario: meccanico ottiene dissequestro dopo un anno

Si era accollato i lavori pur di poter tornare a lavorare

Estraneo agli abusi edilizi messi in atto dal proprietario dell'area del cortile retrostante all'officina meccanica di cui è locatore, pur di continuare a lavorare serenamente si offre di rimediare agli “errori”. Dopo un anno arriva il dissequestro.

E’ quanto accaduto ad un 33enne di Castel Volturno, locatore di un’ officina meccanica in via Domiziana a Castel Volturno. Gli agenti della polizia locale avevano scoperto che in una area del cortile di proprietà di un’altra persona erano stati realizzati abusi edilizi (il controllo è stato effettuato il 2 febbraio del 2020): questo ha fatto scattare il sequestro.

Il meccanico, rappresentato dall'avvocato Francesca Luongo, estraneo agli abusi messi in atto dal proprietario del piazzale, si è assunto l'obbligo di rimuovere l'abuso esistente a proprie spese. Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere concesse il dissequestro temporaneo. Il 18 novembre 2020 gli agenti della polizia municipale, al fine di dare esecuzione al dispositivo del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che disponeva il dissequestro temporaneo dell'opera edilizia al fine di eliminare l'opera illecita e smaltirla, accertarono che l’area era stata ripristinata solo parzialmente.

Nello specifico erano state eliminate le pareti perimetrali e la copertura in lamiera mentre la platea in cemento non era stata rimossa. Dal sopralluogo emerse anche che erano in fase di realizzazione ulteriori opere senza alcuna autorizzazione e venne disposto un nuovo sequestro.

Il legale di G. M. ha dimostrato quanto il locatore si fosse adoperato ad eliminare un’opera abusiva esistente da anni a proprie spese, cercando di risanare tutte le violazioni non commesse da lui e di come su alcune porzioni contestate fosse intervenuta una vecchia autorizzazione risalente al 1987. La Terza Sezione Penale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha disposto il dissequestro dell'area pronunciandosi sull'istanza di riesame presentata dall'avvocato Francesca Luongo avverso il rigetto dell'istanza di dissequestro emesso dal GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere il 14 dicembre 2020. La richiesta è stata accolta e contestualmente è stato disposto il dissequestro definitivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento