Cronaca

Vogliono costruire agriturismo abusivo, scatta il sequestro da 250mila euro

L'operazione dei carabinieri, denunciati padre e figlio

(foto di repertorio)

Maxi sequestro di una struttura ancora in itinere a Carano di Sessa Aurunca. È il risultato del sopralluogo dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sessa Aurunca che ha portato al deferimento per abuso edilizio in concorso tra di loro di E.D.T. e V.D.T. rispettivamente padre e figlio residenti a Carano, 'titolari' della 'futura' struttura ricettiva.

Un immobile di circa 400 metri quadrati ancora in corso d'opera la cui predisposizione non ha lasciato dubbi ai militari sessani circa la futura destinazione: un agriturismo. Nessuna autorizzazione però è risultata esser richiesta né tantomeno alcuna concessione rilasciata in capo ai due titolari, secondo quanto accertato dai carabinieri.

L'enorme fabbricato è stato realizzato a cavallo di via Torquato Tasso e via Porta di Carano su una superficie ricompresa tra le due attività commerciali di cui sono titolari i due denunciati, in una porzione di terreno non visibile dalla pubblica via.

I militari hanno posto sotto sequestro l'intera area del valore di circa 250.000 euro. Posti al vaglio degli investigatori gli ulteriori fabbricati facenti capo ai due imprenditori deferiti, ricompresi nell'area dove sono scattati i sigilli disposti dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vogliono costruire agriturismo abusivo, scatta il sequestro da 250mila euro

CasertaNews è in caricamento