rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca San Felice a Cancello

Mario è morto: trovato il cadavere sotto le macerie della casa

Dopo 11 ore di ricerche svanisce la speranza. Il 74enne era ancora in camera da letto al momento del crollo

Allo scoccare dell'undicesima ora di ricerche, gli occhi dei soccorritori si sono abbassati. Quelle teste penzolanti, da destra verso sinistra, hanno fatto calare la tristezza nel cuore, spazzando via le speranze che il salvataggio di Giuseppina avevano riacceso. Mario, purtroppo, è stato trovato morto.

Il 74enne intrappolato dalle macerie dovute al crollo della propria abitazione in via Napoli a Cancello Scalo, frazione di San Felice a Cancello, è stato rinvenuto senza vita sotto cumuli di detriti in camera da letto. Al momento dello scoppio, Mario Sgambato era ancora a letto, presumibilmente non ha avuto il tempo di accorgersi di ciò che accadeva.

La salma è stata estratta dalla casa, ridotta a un cumulo di pietre, e trasportata all'istituto di medicina legale di Caserta per esser sottoposta all'autopsia, secondo le disposizioni dell'autorità giudiziaria competente.

Nelle ricerche di Sgambato sono stati impiegati oltre 70 vigili del fuoco provenienti dal Comando del Capoluogo, dal distaccamento di Aversa, da Napoli, Benevento e Roma col supporto del nucleo cinofili, nucleo movimento terra e della squadra U.S.A.R. (Urban Search and Rescue). Ore drammatiche, una corsa contro il tempo con la speranza di trovare il 74enne ancora vivo che diventavano sempre più flebili. Poi la drammatica conferma.

Al momento dell'estrazione del corpo esanime dell'uomo è calato il silenzio, rotto dalle grida di dolore e le lacrime amare dei familiari e degli amici. I carabinieri della compagnia di Maddaloni indagano sulla natura del crollo. Da una prima ricostruzione il malfunzionamento della stufetta a metano collegato con l'impianto di riscaldamento dell'edificio dislocato su due piani ed abitato da 6 unità familiari avrebbe generato l'implosione e poi il crollo.

Intanto Giuseppina Sgambato, la compagna di vita di Mario estratta dalla macerie alle 13.30 e trasportata presso l'azienda ospedalaliera Sant'Anna e San Sebastiano. Ha riportato fratture ed ustioni. Dopo una breve permanenza al nosocomio del Capoluogo è stata trasferita al Cardarelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario è morto: trovato il cadavere sotto le macerie della casa

CasertaNews è in caricamento