Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Mondragone

Mare inquinato, Legambiente ufficializza le due 'macchie nere' casertane

I dati resi noti dopo i test effettuati tra luglio ed agosto

In Campania, su 31 punti monitorati sulla costa, quasi la metà supera i limiti di legge per la presenza di sostanze inquinanti: complessivamente 14 punti risultano oltre i limiti di legge: dieci quelli giudicati fortemente inquinati e quattro quelli inquinati. Nel mirino ci sono sempre canali e foci, i principali veicoli con cui l'inquinamento microbiologico, causato da cattiva depurazione o scarichi illegali, arriva in mare. E’ in sintesi una fotografia scattata lungo le coste della Campania da un team di tecnici e volontari di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio e all'informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane.

Cinque punti monitorati nel casertano

Il monitoraggio delle acque della Campania è stato effettuato dal 7 luglio al 3 agosto scorsi, da volontari e volontarie dell’associazione. I parametri indagati sono microbiologici (Enterococchi intestinali, Escherichia coli). Sono stati 5 i punti di costa campana monitorati in provincia di Caserta, di questi uno è risultato "fortemente inquinato", parliamo del punto alla foce del fiume Savone nel Comune di Mondragone, un altro è risultato "inquinato" ed è il punto a mare di fronte la foce dei Regi Lagni.

Tredici test in provincia di Napoli

Tredici invece i punti esaminati nell'area metropolitana di Napoli e di questi 4 sono risultati "fortemente inquinati" e sono: il punto alla foce del canali Licola, al Lido di Licola nel Comune di Pozzuoli, il punto in spiaggia vicino la foce dell'Alveo Volla in località San Giovanni a Teduccio di Napoli, del punto in spiaggia sul lungomare Marconi di Torre Annunziata e del punto alla foce del fiume Sarno fra Torre Annunziata e Castellammare di Stabia.

Le analisi nel salernitano

Altri 13 punti infine sono stati monitorati nella provincia di Salerno e di questi 5 sono risultati "fortemente inquinati" (foce del torrente Dragone nel Comune di Atrani, foce del fiume Irno sul lungomare Tafuri di Salerno,foce del fiume Picentino fra Salerno e Pontecagnano Faiano, foce del torrente Asa sul lungomare Magazzeno a Pontecagnano Faiano e il punto alla foce del canale di scarico alla Marina di Eboli). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare inquinato, Legambiente ufficializza le due 'macchie nere' casertane

CasertaNews è in caricamento