La riscossione della Tari (e non solo) all'Agenzia delle Entate

Non ci sono in Comune le professionalità per gestirla internamente

Sarà l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ad occuparsi della riscossione spontanea della Tari e coattiva di tutte le entrate dell’Ente sia tribunati che patrimoniali, con l’esclusione dell’Ipa. Con questa delibera approvata nei giorni scorsi in consiglio comunale, l’amministrazione comunale guidata da Antonello Velardi ha voluto dare continuità al programma già avvisato con Equitalia per la riscossione delle tasse comunali.

Anche perché, come emerge dalla delibera di consiglio comunale, “la gestione diretta della riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali che dovrebbe avvenire per il tramite dell’ingiunzione fiscale, non è al momento possibile, sia per la mancanza all’interno dell’Ente delle necessarie dotazioni umane e strumentali, sia anche per la mancanza all’interno del Comune della figura dell’ufficiale della riscossione necessaria per determinati adempimenti connessi alle procedure esecutive e sia per la complessità della gestione delle procedure esecutive e cautelari conseguenti all’ingiunzione fiscale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento