menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Come la provincia di Caserta è divisa tra i clan operanti sul territorio

Come la provincia di Caserta è divisa tra i clan operanti sul territorio

La nuova mappa della camorra casertana: "Pace camorristica dopo arresti e pentimenti eccellenti"

La fotografia scattata dalla Dia nella relazione sulle organizzazioni criminali: "I Casalesi comandano ancora ma ora si interessano anche alla droga". Il ruolo delle nuove leve e le alleanze

"La necessità di continuare ad agire sottotraccia si è tradotta, nel corso di questi ultimi anni, nella quasi totale assenza di conflitti”. E’ una vera e propria ‘pax camorristica’ quella che si sta vivendo in provincia di Caserta negli ultimi anni. Lo sottolinea la Direzione Investigativa Antimafia (Dia) nella sua relazione relativa al secondo semestre del 2019. Per gli inquirenti, infatti, “le organizzazioni criminali casertane risultano tuttora profondamente radicate nel territorio e incidono in maniera importante sul contesto socio-economico e politico, nonostante quasi tutti, tra capi e affiliati storici, siano stati arrestati e condannati e molti di loro abbiano intrapreso un percorso collaborativo con l’Autorità Giudiziaria. La cattura di latitanti, anche all’estero, conferma la capacità espansiva dei clan in attività di riciclaggio, con investimenti soprattutto in Emilia Romagna, Toscana e Lazio, nel settore edile, finanziario, immobiliare e della ristorazione, nonché nel commercio di capi di abbigliamento e di autovetture. Il territorio continua ad essere fortemente segnato dal predominio dei Casalesi, che può contare su un radicato sistema di relazioni intessuto con politici locali su consolidate alleanze tra i gruppi aggregati al cartello: i clan Schiavone, Zagaria e Bidognetti”. 

“A Caserta città non esiste un’unica coalizione di riferimento”

Alleanze che consentono, “differentemente da quanto accade nella città di Caserta, dove non esiste un’unica coalizione di riferimento” secondo la Dia, di mantenere una pax mafiosa che “non ha subito contraccolpi neanche a seguito della cattura e, in alcuni casi della collaborazione con la giustizia, di esponenti apicali di quei clan (su tutti Antonio Iovine, Raffaele Bidognetti e Nicola Schiavone, ndr)”. Dalle recenti operazioni emerge “un’inevitabile trasformazione della fisiologia criminale delle compagini del cartello casalese, dovuta all’iniezione di giovani leve, soprattutto nuove generazioni dell’asse familiare dei clan. Queste nuove componenti si sono orientate verso diverse strategie criminali, talvolta creando sodalizi unitari, seppur occasionali, senza rinunciare al controllo del territorio sul quale esercitare pressioni per contenere scissioni interne e forze centrifughe di gruppi emergenti”.

Dai giochi alle scommesse: ma ora i soldi entrano anche dalla droga

Per quanto attiene ai settori illeciti d’interesse, si conferma quello dei giochi e delle scommesse illegali. Tra gli elementi di novità, si segnala il sempre maggiore ricorso alla vendita di stupefacenti, in passato fenomeno episodico (perché in parte estraneo alla mentalità casalese) ma col tempo sistematicamente gestito dai clan locali ed a cui parteciperebbero emissari delle diverse famiglie della galassia camorristica casertana. A monte della vendita, resta ovviamente invariato l’interesse per i traffici di stupefacenti, che si affiancano all’attività estorsiva, entrambi in grado di garantire una forte liquidità di denaro, impiegato anche per il mantenimento degli affiliati e delle loro famiglie. 

mappa camorra casertana 2019 secondo semestre-2

I Casalesi controllano l’agro aversano e Castel Volturno

Da Aversa a Casal di Principe, resta forte il predominio delle famiglie Schiavone, Zagaria e Bidognetti. Quest’ultima ha tra le proprie zone di influenza anche l’area di Castelvolturno, “dove da anni coesistono gruppi camorristici e criminalità nigeriana e ghanese. Il territorio è diventato un punto nevralgico di traffici internazionali di droga e della gestione della prostituzione su strada, favorita, nel tempo, anche dalla disponibilità alloggiativa, talvolta abusiva, fornita da proprietari senza scrupoli”. A Cesa operano i gruppi Mazzara e Caterino-Ferriero, anche questi proiezione dei Casalesi, in passato fronteggiatisi in una sanguinosa faida.

Il clan Esposito a Sessa Aurunca

Altre parti del territorio provinciale sono soggette all’influenza di sodalizi che fanno riferimento ai Casalesi. Uno di questi è il clan Esposito, detto dei “Muzzoni”, presente a Sessa Aurunca, Cellole, Carinola, Falciano del Massico e Roccamonfina. “Il suo ridimensionamento - si legge nella relazione - causato dallo stato di detenzione dei suoi elementi apicali ha determinato l’emersione di piccoli gruppi, molto eterogenei, dediti in prevalenza al traffico e allo spaccio di stupefacenti e alle estorsioni”. 

Due famiglie a Santa Maria Capua Vetere; Mezzero, Papa e Ligato nell’area capuana

A Santa Maria Capua Vetere sono presenti il gruppo Del Gaudio, alias “Bellagiò”, per lo più dedito alla vendita di stupefacenti, e l’antagonista Fava, significativamente indebolito da scelte collaborative di affiliati di spicco. Nell’area capuana, che comprende i comuni di Santa Maria La Fossa, Capua, Vitulazio, Bellona, Triflisco, Grazzanise, Sparanise e Pignataro Maggiore, permane l’influenza dei gruppi Mezzero, Papa e Ligato. “Nell’ambito di quest’ultimo sodalizio - annotano gli inquirenti - si è registrato un tentativo di riorganizzazione da parte delle nuove generazioni che, nonostante la detenzione dei capi storici, sono state in grado di ridare forza al clan, ripristinando una stabile struttura organizzativa, con suddivisione dei ruoli, allo scopo di monopolizzare il mercato delle sostanze stupefacenti. In particolare, un ruolo cardine è stato assunto dal figlio del capo clan, quest’ultimo detenuto in regime ex art. 41 bis (carcere duro, ndr)”. I nuovi assetti del clan Ligato, inoltre, sono stati ricostruiti da un’indagine conclusa nel marzo 2019, con l’emissione di provvedimenti cautelari a carico, tra gli altri, di due figli del capo clan. 

L’area marcianisana in mano ai Belforte ed ai gruppi satellite

Nell’area marcianisana, storicamente al di fuori del cartello casalese, è ancora operativo un sodalizio altrettanto strutturato, il gruppo Belforte, originario di Marcianise ed attivo nel capoluogo nonché, attraverso clan satelliti, a San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Casagiove, Recale, Macerata Campania, San Prisco, Maddaloni, Santa Maria Capua Vetere e San Felice a Cancello. “Nel mese di ottobre 2019 - segnala la Dia nella relazione - è stata scarcerata e sottoposta alla misura di sicurezza di sicurezza della libertà vigilata nel comune di Montebello della Battaglia (PV), la moglie dello storico capo clan, già reclusa in regime ex art. 41 bis O.P., punto di riferimento del gruppo”. Nel territorio operano anche piccoli gruppi a struttura familiare, collegati ai Belforte. Tra quelli storici, figura il clan Menditti, presente a Recale e a San Prisco, e Bifone, attivo nei centri di Macerata Campania, Portico di Caserta, Casapulla, Curti, Casagiove e San Prisco. Nel comprensorio di San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico ed Arienzo risultano ancora attivi elementi del clan Massaro. Sempre nel territorio marcianisano, si rileva la presenza del clan Pagnozzi, che opera prevalentemente nella confinante provincia beneventana. 

Gli eredi dei La Torre a Mondragone

Nel comune di Mondragone e sul litorale domizio è presente il sodalizio Gagliardi, Fragnoli, Pagliuca, erede della famiglia La Torre, attivo prevalentemente nel traffico di stupefacenti e nelle estorsioni, indebolito da recenti operazioni di polizia, che hanno tra l’altro evidenziato gli stretti rapporti di collaborazione con il clan Esposito di Sessa Aurunca, soprattutto nel settore delle estorsioni e del traffico di droga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lite mamma-prof ripresa in un video: “Incomprensioni superate”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento