Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Casal di Principe

Le mani dei Casalesi sulla Ciociaria, sos delle imprese in 53 Comuni

I dati della Prefettura: "Il clan ha inquinato la laboriosa vita economica di questa provincia"

Le mani dei Casalesi sul frusinate. E' l'allarme lanciato dalla Prefettura di Frosinone, guidata dal prefetto Ignazio Portelli, che ha pubblicato i dati relativi alle domande di accesso al fondo di solidarietà per le vittime di usura ed estorsione. 

Un fenomeno che è "alimentato quasi sempre da appartenenti alla comunità rom e ai Casalesi - evidenziano dall’Ufficio territoriale del Governo guidato dal Prefetto Ignazio Portelli – I Casalesi, come si sa, hanno grosse responsabilità nell’inquinamento della laboriosa vita economica di questa provincia, anche a danno di imprese che sono sane nella forma ma non nella sostanza”.  

Ad oggi, riferiscono i colleghi di FrosinoneToday, nel giro di oltre vent’anni, risultano essere 285 le istanze presentate dalle attività commerciali o imprese della Ciociaria. Ne sono state accolte per ora appena 62 (un quinto) e sono stati erogati, a titolo di mutuo o elargizione, quasi 4.7 milioni di euro. Quelle respinte rappresentano il 61% del totale: 174. In tanti casi pervenute erroneamente, improcedibili o non riferibili a fenomeno usurari. 36, invece, quelle ancora in fase di istruttoria. Tra queste anche quelle già presentate o afferenti allo stesso procedimento penale.  

L’sos è stato lanciato sinora da commercianti e imprenditori di 53 dei 91 Comuni della provincia di Frosinone (nell’elenco in basso). Tra questi spiccano le 46 di Frosinone, ma anche le 36 di Sora e le 23 di Cassino. In doppia cifra anche Monte San Giovanni Campano (13), Ceccano e Ferentino (10). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mani dei Casalesi sulla Ciociaria, sos delle imprese in 53 Comuni

CasertaNews è in caricamento